Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Nuovo giornalismo: «il no profit è una soluzione»

Citizen-journalism-Julia-Cagè

Esiste una “terza via” tra il giornalismo non professionale, forse più democratico e i grandi gruppi monopolisti, collegati con la finanza e la politica?

Trento – Anche di questo si è parlato al Festival dell’economia di Trento. E una tesi interessante l’ha sviluppata Julia Cagè, professoressa di Economia presso il Dipartimento di Economia e Scienze a Parigi (foto). 
La domanda è questa: è possibile sviluppare un giornalismo capace di unire l’impegno del professionismo senza i condizionamenti o il servilismo dei professionisti?
E’ possibile ottenere un’indipendenza economica per ottenere l’indipendenza dell’informazione?

Secondo la Cagè esistono già nuove organizzazioni basate sulla forma no profit. E un numero crescente di persone sta sostenendo le formule no profit a favore dello sviluppo di un giornalismo diverso, indipendente e professionale. Si possono già trovare diversi esempi di media no profit, ed esistono varie forme di strutture e aggregazioni sociali di proprietà editoriali non commerciali, con una governance diretta.

Come in Gran Bretagna c’è The Guardian, così in Germania la più grande società di media è la Bertelsmann, è di proprietà della Fondazione Bertelsmann, che è un ente senza scopo di lucro. Il suo limite consiste nel fatto che i piccoli “donatori” non hanno nessun diritto di voto, e quindi la concentrazione di potere resta in poche mani.

Per la Cagè “lo sviluppo di società no profit rappresenta un quadro che si incrocia tra le imprese pubbliche e le fondazioni. L’impresa senza scopo di lucro deve investire su entrate surplus ogni giorno e rischia di essere sempre indietro con l’organizzazione, gli azionisti non sono ammessi, le tasse e i contributi fiscali non sono deducibili”.

Una buona soluzione? Per la Cagè è necessario un cambiamento di mentalità: “Oggi i donatori, attraverso il modello del crowdfunding, semplicemente offrono denaro; dovrebbero invece diventare a loro modo azionisti dell’impresa o almeno protagonisti della sua governance”. Una prospettiva interessante ma ancora poco esplorata.
Mirko Rot
Fonte: Le nuove frontiere del giornalismo, unimondo.org.

Ultimi articoli

Distanza narrativa

Lettore vicino o lettore lontano?

Uno degli elementi che distingue lo scrittore esperto dal dilettante è la padronanza della distanza narrativa. Modulare la distanza narrativa significa gestire i momenti chiave

Lavorare come fotoreporter1

È redditizio lavorare come fotoreporter?

Lavorare come fotoreporter è spesso percepito come un mestiere affascinante e avventuroso, pieno di opportunità per viaggiare e raccontare storie attraverso l’obiettivo della macchina fotografica.

Share:

Layer 1