Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Un’ondata di nuovi siti d’informazione

Gennaio 2011
«È l’altra faccia della crisi dell’editoria. Un iperattivismo autunnale sul fronte dei siti d’informazione con un certo ritardo rispetto al mondo anglosassone e anche ai cugini francesi, che da almeno cinque anni, complici le ristrutturazioni dei grandi giornali nazionali, stanno cercando nuovi sbocchi e nuove formule nel mondo dei media digitali.
Comunque è partita, anzi sta partendo la rincorsa italiana. Chi si ispira alla scuola americana, da Huffington Post al Daily Beast, chi guarda con interesse alle esperienze d’Oltralpe più consolidate, come la french version di Slate, a sua volta costola del Washington Post»
«Guarda sempre alla Francia un altro tentativo in corso da mesi, quello di Lucia Annunziata, che sta studiando un giornale online sul modello di Rue89, probabilmente il sito d’informazione di maggior successo lanciato negli ultimi anni a Parigi. Fondato e guidato da due ex di Libération, Pierre Haski e Pascal Riché, poggia sul modello partecipativo raccogliendo (e dando voce) ai commenti e alle segnalazioni dei lettori e rilanciando in rete i dibattiti legati alle news».
Attilio Geroni, su ilsole24ore.com
Maria Cossu
.

Ultimi articoli

Distanza narrativa

Lettore vicino o lettore lontano?

Uno degli elementi che distingue lo scrittore esperto dal dilettante è la padronanza della distanza narrativa. Modulare la distanza narrativa significa gestire i momenti chiave

Lavorare come fotoreporter1

È redditizio lavorare come fotoreporter?

Lavorare come fotoreporter è spesso percepito come un mestiere affascinante e avventuroso, pieno di opportunità per viaggiare e raccontare storie attraverso l’obiettivo della macchina fotografica.

Share:

Layer 1