Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Chi è l’autore? Per pubblicare un libro è importante l’identità dell’autore?

Editing - Chi è l autore

Per un editor di narrativa, è importante conoscere l’autore?

In realtà, la questione se l’identità dello scrittore sia più o meno importante nella scelta di pubblicare un libro è complessa, ma se vogliamo dare una risposta rapida alla domanda l’identità dello scrittore è importante? La risposta breve è, beh, sì.

Il perché sia importante, invece, è un discorso un po’ più lungo soprattutto in questo periodo di dibattito sull’intelligenza artificiale e su ciò che è prezioso nella scrittura e nello storytelling.


In promozione fino al 30 aprile!
Livello avanzato
Ingresso immediato

Iscriviti subito!


Che cos’è che dà valore alla scrittura? Che cosa rende buona una storia? Le risposte possono variare dal linguaggio, ai personaggi, alla trama, al dialogo e a qualsiasi altra cosa. In realtà, non sono tanto le tecniche o dispositivi narrativi a rendere “buona” una storia, ma le persone. Sono i lettori, gli autori, i critici. La qualità della scrittura è soggettiva e varia a seconda del luogo e del tempo. In questo senso, è importante l’identità dell’autore.

Le persone apprezzano la scrittura e le storie per il modo in cui queste storie parlano a loro e di loro. Questo è il motivo per cui una storia può non essere tecnicamente “buona” ma la amiamo comunque.

Nel valutare i manoscritti, gli editori in genere si concentrano principalmente sulla qualità della scrittura: maestria, voce, abilità narrativa, sviluppo del personaggio, struttura della trama e così via. Tuttavia, l’identità dello scrittore spesso ha un ruolo decisivo nella valutazione dell’editor, anche se non necessariamente nel modo in cui ci si potrebbe aspettare.

Ecco alcuni modi in cui l’identità di uno scrittore potrebbe essere considerata da un editore di narrativa:

  1. Autenticità della voce. Il background, le esperienze e l’identità culturale di uno scrittore possono influenzare il suo stile di scrittura e l’autenticità delle voci ritratte nel suo lavoro. Gli editori possono apprezzare prospettive uniche e voci diverse, soprattutto se portano in primo piano nuove intuizioni o narrazioni sottorappresentate.
  2. Rilevanza per il mercato e il pubblico. In alcuni casi, l’identità di uno scrittore può allinearsi con le tendenze del mercato o attrarre un pubblico target specifico. Ad esempio, un romanzo scritto da un membro di una comunità emarginata potrebbe essere considerato particolarmente rilevante in un momento culturale incentrato sulla diversità e sull’inclusione.
  3. Sensibilità e rappresentazione. Gli editor sono sempre più attenti alle questioni relative alla rappresentazione e alla sensibilità nella letteratura. Possono valutare se l’identità di uno scrittore fornisce loro la visione e la sensibilità necessarie per rappresentare personaggi provenienti da contesti diversi in modo rispettoso e accurato.
  4. Connessione personale. Sebbene gli editor cerchino di essere obiettivi, possono naturalmente sentire una connessione personale o una risonanza con determinati scrittori sulla base di esperienze o identità condivise. Questa connessione a volte può influenzare la loro risposta soggettiva a un manoscritto.
  5. Commerciabilità e pubblicità. Nel mondo altamente competitivo dell’editoria, l’identità di uno scrittore può svolgere un ruolo essenziale per il marketing e la pubblicità. Gli editor possono evidenziare aspetti dell’identità dell’autore, come la storia personale, il background o le competenze che aumentano la commerciabilità del libro o attraggono di più un determinato target di lettori.

L’editoria è un business: il business di fornire ai lettori qualcosa da leggere. All’interno di questo progetto l’editor lavora per la casa editrice affinché il progetto abbia successo. In questo progetto l’identità dello scrittore dovrebbe avere importanza? Incide sul valore intrinseco dello scritto? Sì, l’identità dello scrittore conta, ma conta a diversi livelli che variano da lettore a lettore. E ciò che conta per il lettore conta anche per l’editor e l’editore.

La nostra identità è nella nostra lingua e nella nostra scrittura. Cultura, manierismi, esperienze ecc., che portiamo nel nostro lavoro inconsciamente. Quanto peso viene dato a questo elemento dipende dalle scelte dell’editore e dell’editor del libro. Questo è anche il motivo per cui in genere si richiede una lettera di accompagnamento con alcune informazioni sull’autore.     

In definitiva, sebbene l’identità di uno scrittore possa in una certa misura influire sul processo di valutazione di un editore, in genere è solo una delle tante considerazioni soppesate insieme ai meriti della scrittura stessa. Una storia avvincente e ben raccontata rimane il criterio principale per la pubblicazione, ma gli editor riconoscono sempre più il valore di voci e prospettive diverse nel plasmare il panorama letterario.

Ultimi articoli

Storytelling

Storytelling. Tendenze e umori

Narrare storie è una delle caratteristiche più umane, quella che più ci definisce come specie. Da sempre ci raccontiamo storie per distrarci, per motivarci o anche

Share: