Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Citizen journalism e la biodiversità informativa

citizen-journalist-tablet-smartphone-fotografare

Intervista sul giornalismo partecipativo e su come possa diventare una risorsa importante, complementare al giornalismo professionale.

Il co-editor dell’edizione italiana di Global Voices, Davide Galati, è stato intervistato da Sabrina Ancarola, per Articolo 21 sul tema del giornalismo partecipativo.

Cos’è il giornalismo partecipativo?
Nella visione mia e di Global Voices/Voci Globali l’informazione partecipativa è un motore di trasformazione sociale che consiste nella conversazione online di ciò avviene ogni giorno tra cittadini di tutto il mondo in maniera orizzontale, condivisa e glocale. Quando riescono a esprimere il meglio di sé, i social media e il citizen journalism, si fanno strumenti di democrazia e trasparenza. Questo va inteso in un’ottica non rivoluzionaria, ma nella prospettiva di un’utopia paziente, non necessariamente in opposizione al giornalismo mainstream (tranne quando questo si fa strumento di potere dall’alto e di controllo sociale), ma come forma complementare ad esso, secondo il concetto di “biodiversità informativa” introdotto in Italia da Gennaro Carotenuto.

Come può un cittadino diventare un citizen journalist?
Sono varie le modalità con cui un cittadino può farsi giornalista partecipativo: il caso base è quando la persona che si trova nei pressi di un evento (incidente, catastrofe, conflitto) possieda la prontezza e la competenza di utilizzare la Rete e farsi fonte di informazione grazie ai social media e a strumenti come telefonini, micro videocamere ecc. In una visione più alta ed ampia, che è quella in cui noi crediamo, il citizen journalist è colui che è capace di acquistare spazi di informazione alternativi a quelli tradizionali, perché esistono problemi di credibilità delle testate, di concentrazione dell’informazione, di agenda-setting delle notizie, che accendono l’interesse dei cittadini consapevoli verso i nuovi canali informativi. Sono diversi anche i modelli di giornalismo partecipativo, che possono andare da realtà puramente “dilettantistiche” a esperimenti basati sull’ibridazione, in una prospettiva che può essere alternativamente a maggior contenuto giornalistico piuttosto che di social media.

Qual è stata la reazione del giornalismo tradizionale di fronte all’avvento di quello partecipativo?
Il giornalismo tradizionale è entrato in una profondissima crisi anche per l’impatto della Rete come fonte informativa. Penso ad alcuni casi clamorosi avvenuti negli Stati Uniti, giusto per citarne uno recente, come l’acquisizione del Washington Post da parte del fondatore di Amazon Jeff Bezos, uno dei più brillanti esponenti del web 2.0.

A cura di Marianna Posta & staff FirstMaster

Leggi tutto su: Citizen journalism, la biodiversità informativa: intervista a Davide Galati.

Global Voices è una rete internazionale di cittadini che informano tramite i social media e il giornalismo partecipativo, traducendone e rilanciandone i contenuti.

 

 

Ultimi articoli

Distanza narrativa

Lettore vicino o lettore lontano?

Uno degli elementi che distingue lo scrittore esperto dal dilettante è la padronanza della distanza narrativa. Modulare la distanza narrativa significa gestire i momenti chiave

Lavorare come fotoreporter1

È redditizio lavorare come fotoreporter?

Lavorare come fotoreporter è spesso percepito come un mestiere affascinante e avventuroso, pieno di opportunità per viaggiare e raccontare storie attraverso l’obiettivo della macchina fotografica.

Share: