Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Giornalisti al desk, fotogiornalisti sul campo

Aosta – World Press Photo in mostra. C’è una generazione di fotografi italiani che cresce, che si impegna, che davvero gioca in trincea nei conflitti mondiali e nei luoghi dove la sofferenza, la lotta, la vita e la morte vanno a braccetto. Documentano, raccontano, cercano di fare quello che a volte alcune declinazioni della stampa non riescono a fare: esserci!
Il fotogiornalismo in fondo è questo, essere lì, raccogliere la sofferenza e ciò che accade e portare agli occhi del mondo quello che il mondo si accontenta di sentire alla radio, di vedere in tv in modo superficiale, per poi archiviare in pochi giorni.
F.L.

Leggi tutto su Il fotogiornalismo è l’unico a rimanere in prima linea: al Forte di Bard il World Press Photo 2013.

Ultimi articoli

Distanza narrativa

Lettore vicino o lettore lontano?

Uno degli elementi che distingue lo scrittore esperto dal dilettante è la padronanza della distanza narrativa. Modulare la distanza narrativa significa gestire i momenti chiave

Lavorare come fotoreporter1

È redditizio lavorare come fotoreporter?

Lavorare come fotoreporter è spesso percepito come un mestiere affascinante e avventuroso, pieno di opportunità per viaggiare e raccontare storie attraverso l’obiettivo della macchina fotografica.

Share: