Hai una domanda?
Messaggio inviato Chiudi

Come iscriversi all’Odg, Ordine dei giornalisti

corso gratis editing FirstMaster

L’iscrizione all’Ordine dei Giornalisti come giornalista professionista è riservata a chi svolge la professione a tempo pieno, come attività principale. Per i non professionisti, è disponibile l’iscrizione all’Albo dei pubblicisti, se ritenuto utile.  Per tutti gli altri, come noto, non ci sono formalità obbligatorie e vale la libertà di stampa e di opinione, garantita dalla Costituzione.

L’attuale Ordine dei giornalisti è stato istituito con la legge n. 69 del 3 febbraio 1963, con obbligo d’iscrizione per i giornalisti professionisti, definiti come “coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista”.

L’Albo è aperto anche ai cittadini dell’Unione europea e ad altre figure, come: i pubblicisti (“coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi”), fotoreporter e cineoperatori.

L’Ordine comprende anche l’elenco speciale, che raccoglie chi ricopre la carica di direttore responsabile di periodici sindacali, aziendali o tecnici, pur non essendo né giornalista professionista  né pubblicista.

All’albo dei pubblicisti si può accedere volontariamente dopo aver svolto un’attività giornalistica continuativa (ogni mese) e retribuita, per almeno due anni. Il compenso minimo della retribuzione degli articoli è fissato dagli Odg regionali (mediamente 30 euro), e deve essere validato da una documentazione contabile e fiscale, cioè con ricevute di pagamento e corrispondenti ritenute d’acconto (versamenti al fisco). In caso di inattività o morosità (quota annuale di 100-150 euro), l’iscrizione decade (art. 41).
N.B.: per aggiornamenti e dettagli, è necessario informarsi sul sito dell’Odg della propria regione.

Anche l’iscrizione di siti d’informazione non è obbligatoria la registrazione se la pubblicazione di post non è regolare e se il sito non è su serve in Italia.

Le testate telematiche non sono soggette all’obbligo di registrazione, a meno che la testata riceva contributi o agevolazioni pubbliche oppure abbia grossi introiti pubblicitari. Così l’art. 3-bis della legge 16 luglio 2012, 103 (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): «Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall’articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall’articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall’articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, […] 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l’offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati».

 

Ultimi articoli

Come fare un pirch efficace

Come fare un pitch efficace

Sei uno sceneggiatore o un regista o uno scrittore e hai una bella idea da proporre? Presentarsi con un pitch efficace può essere uno dei

Corso per recensioni giornalistiche

Corso di recensioni giornalistiche

Nell’ampio spettro dell’intrattenimento, che si dipana attraverso schermi, pagine e palcoscenici, le recensioni giornalistiche svolgono un ruolo fondamentale nel guidare il pubblico attraverso un mare

Share: